31 dicembre 2014

Notte di Capodanno


Siamo arrivati all’ultimo giorno dell’anno. Qualcuno ne sarà sollevato, qualcuno ne sarà triste, e poi ci saranno quelli come me: che si rendono conto all’ultimo minuto di cosa sta accadendo e corrono fuori di casa in ciabatte per andare a comprare gli ingredienti del cenone. Ragazzi, non siete soli, sappiatelo!
C’è una cosa che però ho preparato in anticipo ed è il mio ultimo regalino per voi.
Vi lascio quindi con la terza novella di Io sono Vera, sperando che le altre due vi siano piaciute e che anche questa possa regalarvi un sorriso. La terza novella, come la seconda, è SPOILER sul finale del libro. Vi consiglio di non leggerla a meno che non abbiate già letto Io sono Vera.

Colgo l’occasione per fare a tutti voi Tantissimi Auguri di Buon Anno! Stappate lo spumante, festeggiate, mangiate tante cose buone e, soprattutto, iniziate questo nuovo anno nel migliore dei modi.

Io intanto mediterò nuove sorprese nel mio antro da strega.





28 dicembre 2014

Neve


Ebbene sì, per pubblicare questa novella ho aspettato appositamente che nevicasse. Perciò ringraziamo tutti il cielo o chi per esso di non averci lasciato un anno senza neve, altrimenti questa bella chicca sarebbe andata sprecata.
Questa novella è SPOILER (GROSSO, ENORME, GIGANTESCO SPOILER) per chiunque non abbia letto prima il libro. Perciò vi consiglio, anzi, vi supplico: non leggetela a meno che non vogliate rovinarvi metà del libro.
Ora so che qualche kamikaze la leggerà lo stesso, ma io il mio dovere l’ho fatto.
Spero che apprezziate e, come sempre, sentitevi liberi di commentare e dirmi cosa ne pensate.

Un bacio a tutti



25 dicembre 2014

Buon Natale e Felice Panettone

In questa giornata di zuccheri e carboidrati mi sembrava opportuno lasciarvi una novella che andasse bene per tutti. Si tratta di un breve prequel di ciò che accade in Io sono Vera, perciò, se anche non avete letto il libro, potrete leggerlo senza incorrere in spoiler.
Per chi conosce già la storia, invece, la novella potrebbe lasciare qualche dubbio e la voglia di saperne di più. Ma vi ho già detto che sto lavorando per voi?
Non siate timidi, ditemi cosa ne pensate e, soprattutto, quali sono le curiosità che ancora non avete risolto.
Ora torno dai miei amici Pandoro e Panettone. Li ho lasciati troppo a lungo, non vorrei che si offendessero!

Auguri e Buone Feste,

un abbraccio dolce dolce

24 dicembre 2014

Auguri e regali

Buongiorno a tutti!
La sentite la musica natalizia nell’aria? Il profumo di biscotti? L’allegria delle Feste?
Se la risposta è no, non temete: siete normali. Per tutti gli altri, sappiate che vi invidio molto. Al momento la mia idea di festeggiamenti comprende l’aspirapolvere, stracci umidi e tanto olio di gomito.
MA.
Sì, c’è un ma. C’è sempre un ma. Ogni storia che si rispetti ha tanti ma. Per esempio, se non avessi aggiunto questo MA, il post sarebbe durato due righe, invece avete la fortuna di leggerne almeno dieci e perdere un minuto in più. Sì, la sintesi non è mai stata il mio forte.
Quindi, dicevo: MA.
Ma ho pensato anche a voi.  
Vi avevo promesso delle novelle e dato che mantengo sempre la parola – almeno quando c’è qualcuno che me lo ricorda – domani potrete trovare la prima proprio qui, sul blog. Saranno in tutto tre e le pubblicherò a scadenza di qualche giorno, tenete d’occhio il blog o la pagina facebook per non perdervele.
Vi ricordo che le novelle contengono GROSSI SPOILER per chi non ha letto il libro. Quindi vi consiglio di NON leggerle se prima non avete letto Io sono Vera. Almeno due saranno degli spin off, quindi, ripeto: non leggetele se non conoscete già la storia.


Approfitto di questo post per augurarvi Buona Vigilia, Buon Cenone, Buona Abbuffata e tanta felicità!


4 dicembre 2014

Le sue amiche dicono di lei

Forse qualcuno di voi si è chiesto come facciano le mie amiche a sopportarmi. O forse, molto più probabilmente, vi siete chiesti com’è possibile che abbia ancora delle amiche che sopportano di avere a che fare con me. La verità è che non ho amiche. Le pago per fingere in pubblico, così Genitori stanno tranquilli.
No, va bene. Diamo a Cesare quel che è di Cesare. Le mie amiche mi sopportano gratis. Rendo loro omaggio con questo piccolo post, dove potrete avere un assaggio di cosa vuol dire frequentarmi nella vita quotidiana.
Enjoy!

Cosa dicono le amiche di lei (o a lei):

Ormai ce la teniamo così.

Bevi e dimenticati di questa idea insana di uccidere i personaggi.

No, Ale, è un tasto rosso, ma non vuol dire che sia per l’autodistruzione.



Anche noi ti vogliamo tanto bene, ma torna a scrivere, CHIARO?

Bevi.

Smettila di bere prima di scrivere.

I computer non pianificano di uccidere la gente nel sonno. Sono esseri inanimati, Santo Cielo! E comunque non sono dotati di pollice opponibile per soffocare la gente.

Cosa hai combinato?

Di nuovo?

Se continui così, ci versiamo da bere per superare il trauma.

È colpa tua, smettila di lamentarti.

Bevi e stai zitta.

Non bere se devi scrivere. Sei più pericolosa di un ubriaco alla guida di un tir.

Da quando pretendi di avere del tempo libero per te stessa? Hai un libro da finire o sbaglio?

Smettila di dire che scrivi cose noiose. Sei tu noiosa. Fine della storia.

Il giorno in cui non avrai più nulla da scrivere sarà il giorno in cui non ci sarai più utile.

Noi non ti minacciamo. Facciamo promesse.

Continua a bere, basta che stai zitta mentre pianifichiamo la tua vita.

No, dopo una pizza, un gelato e un pacco di pop corn non è normale avere ancora fame.

Hai finito il capitolo? Brava ragazza. Ora inizia il prossimo.

Non ti stiamo schiavizzando, ti diamo una ragione di vita. Dovresti esserci grata.



Unni, SCRIVI!

No, lui non può morire.

Un’altra trama. Cosa diavolo aspetti a scrivertela?

Deve morire!

No, non può morire.

Lo odiamo, uccidilo!

Perché è morto???

Ok, sei morta.

I cellulari non mordono. E quando fanno quello strano suono è perché qualcuno vuole parlare con te: si dice che squillano.

Resuscita il tuo personaggio o dovrai imparare a resuscitarti tu.


E, comunque, ti vogliamo bene.